La Sorpresa

0 views
|

La Sorpresa.
Ormai le cose vanno bene con Lei e abbiamo avuto qualche altra esperienza, tutte organizzate da me ovviamente.
Parto per Londra per lavoro sarò via per una settimana, venerdì sera sarò di ritorno.
Ci siamo baciati a lungo domenica sera e abbiamo fatto l’amore ricordando le nostre ultime esperienze.
Lunedì mattina in aeroporto la saluto con un bacio appassionato e le chiedo di “divertirsi” se trova qualcuno che le piace, arrossisce ma riconosco il suo sguardo, l’idea la stuzzica.
Mi dedico subito al lavoro, la sera corro subito a leggere la posta.
Lei mi ha scritto ha avuto una giornata intensa al lavoro e nel pomeriggio ha fatto shopping, nel negozio di scarpe si è divertita a stuzzicare il commesso allargando le gambe quel tanto per vedo non vedo.
Adoro quando si lascia andare, spero che decida di fare di più.
Martedì ancora lavoro, e finalmente la sera mi fiondo a controllare la posta.
C’è la sua mail, l’ha scritta pochi minuti fa, dopo il lavoro appena tornata a casa e si è messa a controllare il nostro profilo come coppia su un sito specializzato, dice che un ragazzo ha mandato un centinaio di messaggi commentando le sue foto, appena il tempo di apparire online ed il ragazzo è saltato letteralmente fuori dal PC insistendo per video chattare con lei, ho il fiato corto mentre leggo, dopo pochi convenevoli lei gli mostra il seno e lui mostra un pene di notevoli dimensioni.
Purtroppo il tutto finisce lì.
Mercoledì la sera sembra non arrivare mai, mi connetto ma niente mail……… mi ha fatto promettere che non avrei chiamato tutta la settimana, sono ansioso, cosa starà facendo? Si sta divertendo con un altro? Lo stomaco si stringe, ho già visto altri uomini dentro di lei, ma eravamo sempre insieme, adesso è sola, starà usando il nostro letto?
Giovedì, non riesco a concentrarmi, continuo a vedere Lei che scopa con sconosciuti, la segreteria mi dice di accomodarmi e vedo il suo volto confondersi con quello di Lei, la sera arriva tardissimo, apro la posta c’è la sua mail.
Ieri non ha scritto perché la sua amica Paola, bella figa che ho immaginato molte volte di vedere scopare, ha avuto bisogno di lei fino a tardissimo e poi era troppo stanca per scrivere, anche oggi niente di interessante, anche al lavoro niente di nuovo.
Venerdì per fortuna oggi ultimo giorno domattina sarò in areo per tornare da Lei, voglio baciarla, toccarla, scoparla, chissà se mi ha detto tutto????
La sera eccomi di nuovo al PC niente posta!!!!! Dove sarà??????????????
La notte passa quasi insonne e l’aereo non arriva mai. Finalmente atterriamo il taxi mi riporta a casa.
Giro la chiave nella serratura, apro la porta non sento nulla.
Entro piano ho lo stomaco in subbuglio, voglio trovarla con un altro???
Voglio che stia facendo sesso sfrenato???
Vado in salotto nessuno intorno è tutto silenzio, vado in cucina poi in camera da letto, non c’è.
Vado nella camera degli ospiti, nessuno, nel mio studio il computer acceso con lo screen saver che va, muovo il mouse riappare lo schermo c’è una nota aperta, aspettami!
Mi metto comodo, comincio a disfare la valigia, sarà andata da qualche sua amica.
Non mi va di preparare la cena mi siedo in salotto e comincio a guardare la TV niente di particolare, dopo una decina di minuti sento la chiave girare nella porta è lei.
Entra in salotto resta a guardarmi il sorriso le increspa leggermente le labbra, è vestita con un tailleur grigio da ufficio, la gonna al ginocchio, la giacca appena sbottonata rivela un top che non conosco, praticamente trasparente.
Non si muove, resto seduto ad aspettare, poi si toglie la giacca, il top è macchiato in alcuni punti all’altezza del seno e sulla pancia.
Lentamente si sbottona la gonna e la lascia cadere………….. si avvicina vedo un luccichio lungo le cosce, la calza sinistra macchiata, mi prende la mano e la porta sul luccichio e umido lo tocco è sperma, risalgo piano con le dita verso il suo inguine, lei allarga leggermente le cosce e piano un rivoletto di sperma le scorre sulle cosce.
Lo tocco è caldo, ma non solo perché lo aveva dentro.
Mi alzo, le prendo il mento con una mano la bacio dolcemente sulle labbra, le dico che è stata birichina.
Mi guarda negli occhi e sorride, mi chiede se voglio sapere quando ha ricevuto la sborrata nella vagina, le sorrido e lei va avanti “sulla porta di casa, ho aspettato il tuo ritorno nella macchina di Luigi, una lunga attesa, e dopo aver visto le luci accendersi sono salita anch’io”.
La stringo a me la bacio e sulle labbra nella sua bocca sento l’odore del cazzo, “non lo hai solo scopato”, e lei “ho dovuto passare un pò di tempo in macchina”!!!
Mi sorride come una bambina, è la prima volta da quando siamo insieme che scopa da sola con un altro.
Ma il sorriso malizioso non finisce, le chiedo “e adesso?” “Vieni!”
Andiamo alla porta la apre c’è un uomo più giovane di me che aspetta appoggiato alla ringhiera sul pianerottolo, Lei lo guarda e poi “lui è Luigi”, ci stringiamo la mano e lo invito ad entrare.
Ci accomodiamo in salotto e Lei appena dentro lo abbraccia e lo bacia con molto trasporto, sembra che siano molto intimi, aldilà della sveltina di prima, poi bacia me mentre lui da dietro le stringe le tette, una 3^ non grandi ma molto sode.
Lei si gira di nuovo e comincia a spogliarlo in fretta, si inginocchia, gli sfila i pantaloni e I boxer, subito lo prende in bocca è un bel cazzo, 28 cm ad occhio, Lei lo succhia avida, non come di solito dolcemente, lo vuole tutto. Lo fa sparire in gola, anche se le provoca un conato resiste, lo tiene in gola, Luigi mi dice “è una grande pompinara” sono ancora in piedi vestito e vedo Lei che succhia alla grande.
Si scosta si sfila il cazzo di bocca e si toglie il top, si gira verso di me e mi bacia la sua lingua sa di cazzo, mi abbraccia, mi spinge sul divano e si aggrappa a me, sento il suo seno sul mio uccello sempre prigioniero, le sue mani mi tengono fermo, Luigi si inginocchia in un attimo si infila dentro di lei un colpo secco lei mi guarda languida mi sorride “ti piace la tua troia?”, non posso fare a meno di baciarla!
La scopa con forza come se dovesse spaccarla lei geme sempre fissandomi negli occhi.
Dolcemente le tengo il viso fra le mani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *